PENSIERI

Pensieri ­dei partecipanti al World Animal Day Trieste 2015.


Sono stata felice di partecipare al Trieste Animal Day nello scorso ottobre. E’ ­stato un momento molto importante per sensibilizzare le persone verso quello che­ erroneamente si chiede un mondo seconda­rio. Noi siamo il frutto di un lungo pr­ocesso evolutivo e da migliaia di anni g­li animali camminano al nostro fianco. E­’ arrivata l’ora di imparare a considera­rli in una luce nuova, cioè come una par­te importante di quel mistero di amore c­he regge l’universo.
Susanna Tamaro­

Per convivere con gli animali bisogna imparare a conoscerli e a rispettarli. Per conoscerli dobbiamo capire che sono esseri complessi con una propria individualità e con esigenze specifiche.
L’osservazione e la comprensione del mondo animale è una delle più antiche attività dell’uomo, è stata necessaria per poter sopravvivere ma è anche  sempre stata una grande opportunità per imparare e sviluppare la cultura umana.
Ricordare l’importanza di tutte le specie animali presenti sul nostro pianeta e sul loro ruolo fondamentale per la conservazione della nostra vita è un dovere di tutti noi.
Il Worl Animal Day 2015 è stata un evento che ci ha aiutato a comprendere meglio come ognuno di noi si rapporta con il mondo animale e a sviluppare le nostre  capacità di convivenza.
Ilario Zuppani
Comandante della Polizia Ambientale Territoriale della Provincia di Trieste

Lavoriamo insieme per far sì che l’edizione del WAD che si è svolta a san Giacomo sia un punto di partenza per azioni concrete di salvaguardia di tutte le specie animali e degli ambienti da cui dipendono.
L’amore per gli animali ha accomunato tutte le persone senza alcuna distinzione, al punto da rendere la ricorrenza di san Francesco un esempio di pacifica collaborazione.
Michela Bruni
per Associazione Tutori Stagni e Zone Umide del Friuli Venezia Giulia

È stata una bella e nuova manifestazione per riunire enti e associazioni che si impegnano per la tutela degli animali e per la diffusione di corrette informazioni sui migliori comportamenti da avere nei riguardi di questi nostri compagni di viaggio. Saremo volentieri ancora con voi nelle prossime eventuali riproposizioni
Isp. for. Diego Masiello
Servizio del Corpo forestale regionale
Direttore del Centro Didattico Naturalistico di Basovizza

Il progetto per il World Animal Day 2015 presentato anche al Consiglio della V Circoscrizione del Comune di Trieste aveva, a essere onesti, destato qualche stupore per il gran numero di iniziative messe a programma. Era la prima volta o quasi che il nostro Consiglio si trovava a discutere su una manifestazione tanto ambiziosa e complessa. La fiducia che abbiamo deciso di accordare all’organizzazione ha però ampiamente superato tutte le aspettative e il WAD è stato celebrato qui a Trieste, nel nostro rione di San Giacomo, in maniera encomiabile: l’auspicio è che esso possa divenire un appuntamento fisso, una tradizione.
Il coinvolgimento delle maggiori istituzioni scientifiche cittadine in questa iniziativa rivolta a un pubblico popolare di non specialisti, di semplici amanti della natura e amici degli animali, è stata un motivo di vanto per questo nostro territorio. È perciò un motivo in più di dispiacere l’essere venuti a conoscenza, appena due mesi dopo l’evento, della grave situazione di crisi in cui si trova la Riserva marina del WWF, le cui attività sono messe in serio pericolo dal mancato rinnovo della concessione a Miramare. Tutte le istituzioni della città si stanno interessando del caso, confidando nella possibilità di mantenere tale importante istituzione in quel sito che, non solo è di pregio artistico e paesaggistico, ma che per la sua immediata vicinanza al mare, solo consente la prosecuzione delle attività di ricerca e divulgazione scientifica. Siamo grati al World Animal Day anche per averci consentito una volta di più di valorizzare il ruolo di tale istituzione.
Ma la gratitudine agli organizzatori del WAD va soprattutto a nome di tutti i proprietari di animali domestici, così numerosi a San Giacomo e in Barriera Vecchia: è stato bello poter portare tanti animali insieme sulla piazza principale del rione, che purtroppo, fino a non molti anni fa, era loro preclusa da una norma di severità eccessiva. Gli amici del WAD hanno dimostrato che la preziosa compagnia degli animali non diminuisce il decoro della città, ma anzi la fa più accogliente e, in fondo, più umana.
Andrea Dessardo
Vicepresidente della V Circoscrizione (Barriera Vecchia – San Giacomo)

Giornate speciali ci sono state offerte a ottobre dal World Animal Day.
Eventi e manifestazioni multiformi, dove passione, amore, scienza e professionalità sono state perfettamente e armonicamente affiancate : l’Astad assieme a numerose altre realtà ha goduto di un’importante occasione per indicare la strada verso una corretta e amorevole convivenza tra uomo e mondo animale nel reciproco rispetto.
Leonardo da Vinci scriveva :”Verrà un giorno nel quale gli uomini conosceranno l’intimo animo degli animali ed allora ucciderne uno sarà considerato un delitto come uccidere un uomo”….La palpabile sensazione che le sue parole non siano più un lontano puntino all’orizzonte  fa sperare in un mondo migliore .
Auguriamoci che tale avvenimento sia stato il primo di una lunga serie che ci vedrà sempre uniti nella battaglia per la difesa dei diritti di tutti questi nostri amici.
Nadia Zanardi
per Astad

Ho salutato con entusiasmo la prima edizione del World Animal Day a Trieste, con la speranza che ce ne siano altre in futuro. Però la mia prima impressione alla lettura della bozza di programma era stata di un impegno troppo gravoso e complicato da realizzare, e tale è rimasta anche a svolgimento finito. Forse ridimensionare il numero di manifestazioni gioverebbe alla resa finale. Per il Gattile partecipare è stato positivo in tutto, anche se anche noi siamo stati bachettati da certi animalisti che, contestando la presenza di alcuni relatori, intendevano boicottare la manifestazione. La nostra posizione è diversa. Io sono convinto di amare gli animali in genere, però proteggo una specie di assoluti predatori carnivori e questo fatto mi pone non pochi interrogativi. Ma le finalità della nostra Associazione sono tese soltanto al benessere delle colonie feline della nostra città e alla lotta al randagismo. Problemi etici, morali e filosofici, pur riguardandoci personalmente, vanno espressi da chi ne ha titolo, perché no, in un World Animal Day, senza però giustificare lo sfruttamento che provoca sofferenza agli animali, questo è altro dibattito da farsi in altra sede.
Giorgio Cociani
Presidente dell’Associazione Il Gattile onlus – Trieste

Con grande piacere quest’anno abbiamo collaborato al World Animal Day 2015 ,siamo rimasti molto sorpresi dall’organizzazione e dallo spirito delle persone che hanno partecipato. Il nostro  come centro commerciale ha da sempre a cuore tali manifestazioni.
Siamo felici di aver potuto nel nostro piccolo a contribuire .
Sergio Bavazzano
Direttore del centro commerciale Monte d’oro

Come anche già specificato negli atti del Comune di Trieste, che intende sostenere ed incentivare manifestazioni che promuovono il rapporto uomo-animale e l’ambito zoofilo, si è sostenuto la manifestazione del WAD Trieste 2015  in quanto in linea con le strategie che promuovono l’ambito zoofilo.
Gian Piero Saccucci Di Napoli
Direttore dell’ufficio zoologico del comune di Trieste

Giornata particolare, di riflessione congiunta e dal cui confronto o scontro, possono e devono nascere nuove positive sinergie, per meglio operare, in futuro, uniti e collaboranti, per il bene dei nostri amici , ospiti di questo Creato, tanto quanto l’uomo su questa terra!
Silvana Di Mauro
Presidente dell’associazione Liberi di Volare

Ci sono persone che riescono a sentire l’armonia dell’universo , la decodificano e la leggono in ogni forma della natura. Da quel momento queste persone non possono più evitare di occuparsi del creato, tutelando ogni sua forma di vita, dedicando agli animali lo stesso impegno che profondono verso le persone più care . Forse perché gli animali, anche quelli che non condividono con noi il viaggio della vita,  ci ricordano che si può essere “uomini e donne migliori”, questo è il loro mandato e di questo dobbiamo ringraziarli. A volte, però, il loro è un richiamo troppo profondo, così profondo che alcuni cercano di  spegnerlo . Ma i nostri amici continuano a “richiamarci” e più il loro messaggio aumenta, più aumenta la violenza nei loro confronti. A noi il compito di diventare “eco” di quel richiamo…
Alma Biscaro
Presidente dell’U.S.C.I. Trieste

La manifestazione direi che è partita come un grande evento ,ma poi ,motivi che non sto a sindacare, si è ridotta tanto anche a causa del brutto tempo che ha imperversato proprio sul momento clou. Poi alla sera della Domenica ,piazza piena per la benedizione degli animali…. . Tengo a precisare che poi alla fine si son visti solo cani e qualche impagliato,ma neanche un pesciolino o una tartaruga(esempio). Sugli animali….,ho un grande sentimento che sento unirsi all’uomo come il disegno originale di DIO , anche se poi sappiamo bene quello che ci divide…, chiaro che cani e gatti fanno pipi e popò e questo forse può esser un problema per molti .,ma restano un mondo che dobbiamo assecondare perché la sua sparizione dal mondo significherebbe la fine del mondo. ­Io in casa ho da un mese circa una gattina voluta dalla mia primogenita e che si divide alla grande tra l’affetto delle ­otto persone che compongono la mia famiglia. Fosse stato per me non prenderei animali in casa…,perché mi piacciono liberi e così voglio che restino…., anche se le coccole notturne della “pimpa” sono ben gradite. Spero che se ripeterete la manifestazione non facciate una cosa troppo “larga” che rischia di non attecchire sui sentimenti della gente.
Stefano Savini
Fotografo naturalista

Lodevole iniziativa, che ha bisogno di a­morevoli cure per crescere e sviluppars­i.
“Se  gli esseri umani si comportassero ma­ggiormente come gli animali, nel Mondo v­i sarebbe meno astio, odio e gratuita ca­ttiveria”.
C.C. (CP) Luca Torcigliani
della Capitaneria di Porto Trieste

La testa oblunga, le orecchie lunghe che scendono lungo il collo in folti ricci neri. Il naso umido, il mento coperto da un inizio di peluria bianca, segno che il tempo passa e l’età matura avanza. Gli occhi marrone, grandi, profondi, intensi, con una luce che brilla in fondo alle pupille. Io e il mio cane stiamo invecchiando insieme.
Quando verso sera mi siedo a guardare dalla finestra le luci della città che si accendono e i ricordi iniziano a fluire, ti avvicini, ti accovacci al solito posto sulla tua coperta di fronte a me, alzi lo sguardo e mi osservi. Tra di noi è un momento misterioso, nel quale sembra che parliamo lo stesso linguaggio. Un’intesa ancestrale ci lega, una soglia che abbiamo varcato insieme in un lontano passato e continuerà per tanto tempo ancora. Ora abbassi le palpebre, ritrai le orecchie, ti giri, ti acquatti, chini il mento, chiudi gli occhi e attendi. La mia carezza ti raggiunge. Insieme aspettiamo che arrivi domani.
Come tutti coloro che amano ogni forma di vita e si prestano per far in modo che l’essere umano adotti un atteggiamento di rispetto per tutte le creature viventi e per l’ambiente che ci ospita, ringrazio l’associazione e invio quello che mi ha ispirato la lodevole iniziativa Trieste Animal Day dello scorso ottobre.
Nevia Iud
per il WWF Trieste

Una giornata dedicata agli “animali” abbraccia un ambito estremamente ampio, dove numerosi soggetti pubblici e privati, con priorità e strategie variegate, operano con finalità diverse: dalla tutela degli animali esotici, impropriamente importati come animali da compagnia nelle nostre case, alla valorizzazione dei singoli ecosistemi locali, come gli stagni, fino alla conservazione dell’ambiente, quale capitale non solo “naturale” ma anche economico, perchè da esso, dalla sua integrità e capacità di rigenerarsi, dipendono il benessere ma anche la sussistenza di molte famiglie.
E’, quest’ ultimo, il campo in cui opera l’Area Marina Protetta di Miramare: la conservazione dell’ambiente marino del Golfo di Trieste, protegge la biodiversità, ma offre anche una nursery per le specie ittiche commerciali, quelle da cui dipendono gli introiti economici di chi opera nel comparto pesca.
Alle prossime edizioni dell’Animal Day, speriamo di incontrare nuovi stimoli per incontrarci, scambiare, ampliare e moltiplicare i punti di vista su questo vastissimo tema, gli animali, e per saper accogliere serenamente e consapevolmente diversità di visioni, opinioni e comportamenti.
Sara Famiani
WWF Area Marina Protetta di Miramare

Trieste Animal Day, nell’ottobre dello scorso anno, è stata un’iniziativa di grande significato etico, ma una cosa è balzata agli occhi di tutti noi: la non corrispondenza tra lo sforzo e l’impegno degli organizzatori e il numero di partecipanti. Ce ne sarebbero dovuti essere 400, non 40. Per quanto abbiamo potuto sapere non sono di certo state difettose l’informazione e la comunicazione pubblicitaria. Allora? Allora dobbiamo ammettere, con la tristezza nel cuore, che la sensibilità nei confronti della sofferenza animale è ancora fortemente immatura (o forse rimossa) nella nostra società … E il nostro pensiero va ai milioni di animali che vengono torturati negli allevamenti intensivi, che trovano una morte impietosa fra le mani insanguinate di macellai cinici. Va alle volpi ed ai visoni soffocati col gas per divenire lugubri trofei al collo di persone stupide ed impellicciate, alla prima della Scala di Milano. Va agli animali intrappolati nei laboratori per una ricerca che troppo spesso inutile … E ci tornano alle mente le parole che il filosofo tedesco Thedor Adorno ebbe a pronunciare, quasi a testamento, poco prima della sua morte: “Auschwitz inizia ogni volta che qualcuno guarda ad un mattatoio e pensa: sono soltanto animali”.
Dott. Gianni Tadolini
Gruppo P.A.C. psicologia animale comparata

Non avete la parola ma ci parlate in altro modo, qualche volta giustamente non ci capite perché ci comportiamo anche noi in modo strano, magari siamo nervosi o stressati dalla difficile quotidianità di questi tempi.
È dura salutarvi alla mattina ma è bellissimo quando ci fate le feste al ritorno, alla sera. Sembra che sia passato tanto tempo ma invece neanche un giorno…………. è questa la magia, è questo il senso di appartenenza che ci dimostrate, fate ormai parte di una famiglia, grande o piccola, e ci siete anche voi.
Qualche volta penso che ci sono animali più fortunati e altri meno, quelli più belli o quelli più brutti o meno belli, quelli più intelligenti e quelli un po’ più istintivi e vivaci e sempre arrivo alla conclusione che tutto questo dipende in gran parte da noi umani perché tante volte siamo noi i peggiori………….
Un piccolo ma non meno importante pensiero và anche a quegli animali che ci aiutano a vivere ed a sopravvivere……….. alle varie specie che da sempre sono destinate alla alimentazione umana ed a quella delle altre specie, a quei corpi cucinati che ci troviamo nel piatto e che non siamo capaci di farne a meno, a loro ed a tutto il creato animale un grande grazie di cuore!
Franco Crevatin
Assessore ambiente e territorio del Comune S . Dorligo della Valle – Občina Dolina

Una giornata dedicata a chi condivide questo pianeta con noi. A chi ci sostenta, ci conforta, ci aiuta a vivere in un mondo vitale e straordinariamente complesso. Noi senza gli animali non saremmo umani, e più semplicemente non saremmo e basta. Noi e loro poi non potremmo esistere senza le piante (a quando il World Plant Day?) e tutti quanti non ci saremmo proprio senza i funghi e i batteri. In questo meraviglioso pianeta che altrimenti sarebbe solo sterile roccia, limpida acqua e lucenti cristalli.
Trieste Animal Day, dunque, per ricordare a tutti noi di rispettare e conoscere i nostri straordinari compagni di viaggio, nel ciclo della vita e dell’universo.
Dott. Bressi Nicola
Direttore Musei scientifici di Trieste

E’ stato un evento importante per l’appr­ofondimento della conoscenza del mondo e­ del comportamento dei nostri amici anim­ali, con i quali coabitiamo il pianeta T­erra e condividiamo il territorio, l’hab­itat e persino gli ambienti domestici.
E’ stata sopratutto una bella occasione ­per promuovere il massimo rispetto per o­gni forma di vita e per tutte le creatur­e che stanno intorno a noi e con le qual­i viviamo relazioni di complementarietà.
Grazie agli illustri relatori, gli inter­venti sono stati di elevato spessore sci­entifico e culturale e il dibattito che ­ne è scaturito è stato certamente stimol­ante e ricco di spunti per reiterare la ­lodevole iniziativa, auspicando per il f­uturo un coinvolgimento ancora più ampio­ dei soggetti interessati alla diffusion­e della conoscenza degli animali e alla ­tutela dei loro diritti.
Infine un grazie particolare per aver de­dicato a Thomas, straordinariamente appa­ssionato della natura e grande amico deg­li animali, il concerto del 4 ottobre.
Prof. Franco De Marchi

Sono stato invitato dagli organizzatori del Animal Day di Trieste per contribuire con una mia presentazione all’incontro che si teneva di carattere più accademico, insieme a due colleghi, ambedue noti scienziati. Il mio contributo versava sul dialogo tra antropologia e teologia riguardo la possibile capacità di auto-coscienza in altri animali, forse da una prospettiva più cristiana. Devo dire che la sfida non era semplice e che era la prima volta che mi introducevo in tale ambiente. L’invito ha permesso di approfondire in una prospettiva molto ricca ed ha aperto per me dei varchi di grande interesse verso il mondo e l’esperienza degli altri animali. In realtà ha significato una presa di coscienza su una serie di questioni che magari erano rimaste troppo ignorate da me a da molti miei colleghi. Il confronto è stato salutare e ha permesso di fare i conti con un ricco pluralismo di posizioni, sempre nella condivisione del comune interesse per migliorare i rapporti tra noi umani e le altre specie animali, spesse volte troppo conflittuali o di sfruttamento. Mi auguro che questa iniziativa possa continuare e fruttifichi nella sua opera di sensibilizzazione.
Fra Lluis Oviedo OFM,
Professore di Teologia, Pontificia Università Antonianum, Roma

La nost­ra speranza è di riuscire ad insti­llare nel cuore dell’Uomo il senso d’app­artenenza al Creato affinché quest­o generi Civiltà.
Sovr. C. Giulio Visintin­
Comandante del Nucleo Opera­tivo CITES di Trieste
Corpo Forestale dello Stato­

La nostra partecipazione con il laboratorio di SabbiaMania al Trieste Animal Day è stata una grandissima opportunità per farci conoscere a sempre più bambini e famiglie possibili e a dare un tocco di colore con la nostra sabbia brillante ad una giornata piovosa. È molto importante iniziare l’insegnamento del rispetto e del giusto comportamento verso gli animali fin da piccoli e per questo sono sicura che tutti i programmi rivolti a loro sono fondamentali e molto utili.
Ringraziamo il Presidente e tutti i collaboratori che ci hanno dato la possibilità di partecipare e ci hanno sostenuti con la loro professionalità e infinita gentilezza.
Monika Ricci
SabbiaMania

I nostri complimenti vanno rivolti sia all’oggetto della manifestazione che in un mondo sempre più “complesso” vede nell’ingenuità e naturalezza degli animali un’ancora di salvezza per tanti esseri umani, sia alla qualità e alla competenza degli organizzatori che hanno trasformato la manifestazione in un vero e proprio evento.
Salvatore Grisafi
Associazione commercianti S. Giacomo
Il Nostro il Vostro Rione

Ricordo un giorno, quand’ero bambina. Il prato, il bosco, il profumo dell’aria, il canto degli uccelli. Mi fermai ad assaporare quel momento. Fissai il cielo, sentii il caldo tepore del sole. Era primavera. Mi sentii pervasa di felicità. «Ti prego Elena, non dimenticarti mai di questa sensazione», mi dissi. «Fa’ che finché sarai viva tu possa ricordarti della tua essenza, di questo dono che sei tu ed è la natura». Ecco cos’è per me il Trieste Animal Day, un modo per perpetuare quel momento condividendo con gli altri la felicità per l’ambiente che ci rende vivi.
Elena Placitelli
Giornalista addetta stampa Trieste Animal Day

La Regione Friuli Venezia Giulia svolge un’importante azione di regolamentazione ed attua tutte le azioni per la corretta gestione degli animali d’affezione ed è la prima Regione in Italia ad aver fissato delle regole così puntuali e dettagliate a tutela degli animali d’affezione.
Questa manifestazione ha permesso quindi al Servizio veterinario di dare le opportune informazioni al cittadino riguardo “ La tutela giuridica degli animali d’affezione in Friuli Venezia”.
Ringrazio Fabio Rabak per la passione e l’impegno profuso nell’organizzare la prima edizione del Worl­d Animal Day Trieste 2015 e conto di poter essere presente anche nella seconda edizione.
Dott.ssa Sabrina Loprete
Servizio sanità pubblica veterinaria
Regione Friuli Venezia Giulia

Credo che iniziative come il WAD facciano molto bene alla città di Trieste, poiché accrescono la sensibilizzazione verso un argomento così importante come il rispetto verso i nostri amici animali.
Pertanto sono stato molto entusiasta di collaborare, seppur in piccolo, alla realizzazione di questo importante evento, che spero calorosamente venga riproposto gli anni a venire.
Davide Zorzenon
Musicista

Abbiamo avuto il piacere di condividere l’Eurobirdwatch con veramente molta gente appassionata e curiosa, in una passeggiata in mezzo a uno dei più bei posti che abbiamo in provincia, la Val Rosandra. Una manifestazione ben riuscita!
Matteo Giraldi
LIPU sezione di Trieste
Lega italiana protezione uccelli

Il rito della benedizione degli animali , oltre al significato intrinseco, sicuramente contribuirà a sensibilizzare le persone nei confronti di quelle bestiole meno fortunate, custodite presso canili o strutture paritetiche, per la scelta di una compagnia.
Noi appartenenti al Nucleo Carabinieri di Volontariato e Protezione Civile di dare il nostro contributo a questo evento in qualità di addetti alla sicurezza.
M.llo Francesco Santo
Il Coordinatore del Distaccamento

Riflettere sulla natura e sugli animali, sul creato diremmo in termine religioso, è antico quanto il mondo. La prima pagina della Bibbia ne parla. In fondo, noi siamo vivi perché siamo inseriti in un contesto da cui proveniamo, grazie al quale viviamo e dal quale non possiamo staccarci.
La tradizione ebraico-cristiana insegna che il creato è buono, è affidato all’uomo, dev’essere da quest’ultimo custodito (il vero senso del verbo “dominare”, presente nella Genesi). Insegna anche che non si può confondere creatura-creatore, creature-creatura umana, creatura uomo-creatura donna. Insegna che l’uomo-donna è al vertice di questa creazione, un vertice non dispotico, anzi. È un vertice di custodia, protezione, affidamento.
Grazie al Trieste Animal Day, abbiamo iniziato a riflettere sugli amici animali. Ed è cosa quanto mai utile.
Trieste ama molto gli animali. E ama soprattutto gli animali da compagnia.
È vero: spesso riceviamo più affetto dagli amici a quattro zampe che dai nostri simili. Temo non sia il segno che gli animali amino più degli umani: temo piuttosto che siamo noi, bipedi, ad essere scesi sotto la soglia di quell’amore che, sempre il libro della Genesi insegna, è stato posto da Dio nei nostri cuori.
La nostra epoca ha bisogno di imparare, fosse anche dagli animali, cosa significhi volersi bene.
Don Lorenzo Magarelli
Presidente della Comm. Diocesana per l evangelizzazione e la catechesi

Rivolgo all’associazione Animai Day l’invito a perseverare nell’impegno che è diventato vera missione per la sezione di Trieste con l’obiettivo di aiutare tutti gli animali “nella vicinanza”.
Il successo della manifestazione del 3,4,5 Ottobre 2015 ha trovato buona accoglienza, oltre le migliori previsioni, anche presso coloro che magari per la prima volta vengono in contatto con le problematiche del mondo animale.
Bisogna avere il coraggio di proporre contenuti di alto profilo partendo da una chiara appartenenza alla vera missione di aiuto di sostegno ai problemi di questi nostri amici selvatici e di compagnia in modo da essere per tutti i “vostri assistiti” punto di riferimento e sostegno.
Promuovete l’amore verso ogni creatura, offrite occasioni di dibattito, e di approfondimento, aprite gli orizzonti della conoscenza e della razionalità tra il mondo umano e quello più generale animale, veicolate la speranza della protezione e della salvezza di ogni essere animale.
Riteniamo che il riconoscimento supremo, il massimo riconoscimento sia nella sobrietà della operatività anche con mezzi modesti ma sempre nella generosità dei Vostri volontari. Fare il bene, il vero bene per tutti gli animali dando sempre la precedenza all’uomo che li deve custodire ma tenendo ben presente che tale precedenza gli impone una maggiore responsabilità di impegno e missione nell’etica e nella serietà deontologica del rispetto. Andate avanti così sentendo come più volte ripete Papa Francesco “l’odore delle pecore” che vuol dire farsi carico, mettersi sulle spalle il gravoso compito di proteggere e rispettare nel sistema di vita terrestre i più importanti e vicini elementi che in diverso modo ci accompagnano in questa terrena esperienza di vita: “le grandi e piccole creature animali”.
N.H. Marco Eugenio Brusutti
Presidente Fondazione Brusutti

Partecipare al world animal day è stato oltre che un dovere istituzionale, un onore e un gran piacere. E’ necessario impegnarsi affinché Il world animal day sia l’inizio di un lungo e costante percorso volto ad incrementare le azioni di tutela di tutte le specie animali e per comprendere come migliorare le azioni nei confronti di questi nostri compagni di viaggio. Vedere così tanti amici dell’uomo sulla piazza principale del rione di San Giacomo è stato un evento straordinario che ha avuto una grandissima risonanza e che si spera possa divenire un appuntamento fisso capace di scuotere le coscienze anche di coloro che non hanno animali. Il fatto che abbiano partecipato numerose istituzioni scientifiche ha dato all’evento ancora maggior pregio: scienza e amore hanno quindi caratterizzato le giornate in questione. Un grazie particolare va quindi agli organizzatori del WAD che sono riusciti nell’intento di dimostrare che la relazione tra l’uomo e il mondo animale non solo è fonte di arricchimento per entrambi, ma è anche la base di una città accogliente e capace di aprirsi  a tutti. 
Luca Salvati
Consigliere Provincia di Trieste

La nostra associazione è stata molto felice di esser stata invitata a partecipare al Word Animal Day di Trieste lo scorso ottobre
un’occasione per divulgare il nostro pensiero sulla collaborazione tra l’uomo ed il suo cane fatta di conoscenza e rispetto, riportata nelle nostre attività di Assistenze Assistite, Protezione Civile e svago.
Nel mondo moderno, a soffrire della mancanza di una vita dai ritmi naturali, siamo tutti, uomini e animali. Spesso questi ultimi entrano nelle nostre vite per sopperire a mancanze di veri legami affettivi che causano solitudine.
Il legame che ci lega spesso è più intenso che con i nostri simili, ma troppo spesso questo Amore causa comportamenti di personificazione dei comportamenti animali, che causano incomprensioni sfocianti quasi sempre in problemi di comunicazione interspecifica.
L’impegno degli Organizzatori del W.D.A., attraverso questa iniziativa hanno contribuito, grazie anche ai Relatori intervenuti, a iniziare un percorso di divulgazione etica e scientifica, di cui si sente la mancanza.
Auspichiamo la prosecuzione di questo lungo cammino, sperando di poter continuare a dare il nostro piccolo contributo
Massimiliano Della Valle
per Gli Amici del Cane Blu asd

Abbiamo partecipato con grande piacere al World Animal Day. Per noi, che lavoriamo tutti i giorni con gli animali, una giornata dedicata a loro è stata una bella iniziativa. Trieste è da sempre una città molto sensibile alle problematiche animali e lo ha dimostrato con una buona affluenza alla manifestazione. Facciamo i complimenti all’organizzazione che è riuscita a coinvolgere diverse associazioni con eventi interessanti che ci hanno accompagnato durante la giornata. Aspettiamo il prossimo WAD a cui parteciperemo sicuramente.
Clinica veterinaria San Giacomo

Domenica 4 ottobre si è tenuto il World Animal Day, una giornata dedicata a tutti gli animali del mondo.
Era una giornata soleggiata e in piazza si potevano trovare cani, gatti e persino furetti.
Gli scout avevano aiutato gli organizzatori a portare in piazza i tendoni.
Avevano anche una per loro, per far pubblicità, e far iscrivere altri bambini e ragazzi nella loro associazione.
La piazza era invasa da cani e gatti di tutte le razze, sono stati perfino benedetti tutti quanti, mentre gli scout prestavano servizio per non far passare le persone entro una certa zona.
(Leonardo)sa
Quel giorno per me è stato particolare perché io adoro gli animali e mi ha fatto moltissimo piacere passare tutto il giorno con tanti tipi di animali. Mi sono divertito anche con i miei amici.
(Massimo)
Secondo me, è stata un’attività carina che si potrebbe rifare senza problemi, però, prossima volta, cercate di scegliere un giorno magari in cui non piova, così almeno sarà più semplice montare i vari tendoni.
Comunque lo rifarei volentieri!
(Elena)
Poter essere d’aiuto agli altri, e poterlo fare verso gli animali, che sono indifesi e bisognosi d’aiuto, mi fa sentire sempre più vicina alla natura. E’ un’attività da riproporre assolutamente, e sarei felice di esserci!
(Lara)
“Lo scout rispetta e protegge i luoghi, gli animali e le piante”: questo è un punto della nostra Legge Scout, e con questo servizio al World animal Day, credo proprio di averlo rispettato!
(Enrico)
Sono stata felice di aver visto i miei ragazzi così impegnati per una giusta causa: quando uno scout può aiutare il suo prossimo, che sia una persona o un animale, l’importante è che lo faccia con il sorriso sulle labbra. E così è stato!
(Gloria)
E’ stato fantastico vedere tanti animali diversi tutti assieme in una piazza vicino alla mia sede scout. Dobbiamo rifarlo anche il prossimo anno! Grazie a tutti!
(Marco)
ASSG – ASSOCIAZIONE SCOUT SAN GIORGIO – Trieste

WAD 2015 è stata un’ottima iniziativa sull’importanza di diffondere la sensibilità e conoscenza di tutti gli animali domestici e non terrestri e marini, grandi piccoli ed invisibili poiché tutti hanno un ruolo in natura. Sostengo fortemente ogni ulteriore evento e promozione che WAD vorrà intraprendere anche nel 2016 e sarò lieta di contribuire per disseminare buona informazione a portatori d’interesse e a tutta la comunità locale e a tutti gli interessati. Potrebbe essere d’aiuto un comitato di promozione entro WAD? Sono disponibile a collaborare con voi nel caso sia necessario.
Marina Cabrini
per OGS – Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale

Secondo l’enciclica di Papa Francesco nel progetto della creazione di Dio l’uomo è al centro dell’universo e viene chiamato a custodire il creato. In questa custodia del creato noi vediamo come l’animale ha un posto importante nella compagnia dell’uomo.
Nella vita di Gesù infatti gli animali hanno sempre avuto una parte molto importante. Gesù infatti è stato accompagnato nella sua entrata e Gerusalemme da un asino e spesso nel suo parlare usava gli esempi della creazione per parlare della cura di suo Padre per il mondo.
L’uomo e la donna sono quindi al centro della creazione ma nello stesso tempo devono avere un rapporto di rispetto e di attenzione nei confronti degli animali.
Non occorre essere animalisti per amare nel modo giusto gli animali: basta vedere in ogni creatura un riflesso di Dio… e questo sguardo lo può dare solo la fede. Ed è questo lo sguardo di San Francesco che il Papa ha ben descritto nel brano dell’Enciclica e che ho riportato all’inizio dell’articolo.
Dovremmo quindi prendere in considerazione e capirei che noi persone possiamo alle volte essere più violente e cattive di un animale. Questo perché l’animale lo fa solamente per istinto di sopravvivenza, noi persone invece lo facciamo con la coscienza di fare del male e di perseguirlo. Se giungessimo a queste considerazioni, forse guarderemmo in mondo diverso le creature e, proprio come Francesco d’Assisi, saremmo capaci di un rapporto diverso con noi stessi e con Dio, unico Signore di tutto il creato.
Mons. Pier Emilio Salvadè
Vicario generale della Diocesi di Trieste

Ottima iniziativa, particolarmente adatta a stimolare e a diffondere l’amore ed il rispetto per gli animali e per tutti gli esseri viventi del pianeta.
Sono sempre stato convinto che abbiamo molto da imparare dagli animali. Il loro comportamento, oggetto della moderna etologia, ci insegna molte cose sui rapporti tra gli esseri viventi e tra esseri viventi e l’ambiente in cui viviamo. La specie umana purtroppo ha visto e vede tuttora l’ambiente naturale come un “oggetto” da sfruttare ai propri fini che, il più delle volte sono fini speculativi. Da questo deriva la distruzione, l’inquinamento e la deturpazione di molti ecosistemi. Io credo che alla base di tutto ciò ci sia anche ignoranza e mancanza di una sana educazione ambientale. Dobbiamo sicuramente insistere sulla promozione della conoscenza naturalistica in modo da arrivare quasi spontaneamente ad una giusta tutela dell’ambiente. Gli esseri viventi saranno rispettati e protetti solo se raggiungeremo un giusto equilibrio con l’ambiente che ci circonda. E non dimentichiamo che la specie umana fa parte del regno animale.
Dott. Sergio Dolce

Ho partecipato con molto piacere al World Animal Day 2015. Per esprimere il mio pensiero sul mondo animale mi appoggio a poche, preziosissime, parole di un uomo che ha cambiato la storia:
La grandezza di una nazione e il suo progresso morale si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali.
– M. K. “Mahatma” Gandhi (1869-1948)

A volte ci vuole molto impegno, per tutelare gli animali e per convivere con loro, a volte ci vuole poco: anche una semplice carezza, uno sguardo.
Sempre, però, il nostro impegno viene ripagato.
Igor Dolenc
Vice Presidente della Provincia di Trieste

Il coro Nuovo Auricorale VivaVoce ha partecipato con gioia ed entusiasmo a questa grande iniziativa che voleva per un giorno dedicare un po’ di attenzione a quegli amici sinceri e fidati che condividono con noi momenti di gioia e di tristezza senza chiedere mai niente in cambio.
Un pensiero è stato doverosamente rivolto a Thomas DeMarchi che anche lui si era speso per questa iniziativa ma purtroppo non ha potuto vedere l’esito dei suoi sforzi.
Speriamo che la grande energia profusa per l’organizzazione di questo evento contribuisca a creare una manifestazione a cadenza annuale sempre più articolata nell’offerta e sentita e apprezzata dal pubblico.
M° Monica Cesar
Nuovo Auricorale VivaVoce

Il coro di voci bianche “Piccoli in Coro” è stato molto onorato di poter partecipare in prima persona al World Animal Day 2015 animando la celebrazione della Benedizione degli Animali in occasione della festa di San Francesco presieduta da Mons. Giampaolo Crepaldi. Scopo educativo del coro, che già da qualche anno fa parte della grande famiglia dell’Antoniano di Bologna, è quello di far crescere i bambini non solo dal punto di vista musicale, ma anche dal punto di vista umano. Il repertorio studiato, infatti, li fa riflettere su valori importanti quali l’amicizia e la pace, ma anche il rispetto degli animali e della natura e l’ecologia. Per questo la partecipazione all’evento è stata tappa fondamentale nella crescita dei nostri piccoli cantanti e ci auguriamo tutti di poterla ripetere anche nei prossimi anni.
m° Aglaia Merkel
coro voci bianche Piccoli in coro

«C’e molto da imparare dagli animali» dice Gary Oldman in una bellissima scena del “Dracula di Bram Stoker” di Francis Ford Coppola. E poco importa che a pronunciare quella frase sia il personaggio di Vlad, perché è una frase talmente vera da essere universale. È proprio questo lo spirito che ha animato gli organizzatori e i partecipanti al primo – mi auguro di una lunga, infinita serie – Trieste Animal Day svoltosi lo scorso ottobre. Un primo, doveroso segno di interesse verso gli animali che si è concretizzato in un florilegio di iniziative e attività che hanno toccato tantissimi campi diversi, dimostrando come la presenza degli animali sia ormai radicata profondamente nelle nostre vite e in ogni aspetto della nostra società.
In bocca al lupo, è il caso di dirlo, al Trieste Animal Day affinché le prossime edizioni possano riscontrare un’affluenza di pubblico sempre maggiore e la manifestazione diventi un imprescindibile punto di riferimento per l’intera città.
Alan Viezzoli
critico cinematografico

Una manifestazione originale, che avvicina ancora di più l’uomo al mondo animale ed in particolare al mondo cinofilo. Come già detto, per noi militari cinofili della Guardia di Finanza il cane è più che un collega, è un amico fidato su cui poter contare sempre e da non deludere mai.
Ben contenti di aver partecipato al successo della manifestazione, auspichiamo che sempre più spesso, ci siano persone ed associazioni che dedichino il loro tempo e le loro energie a sensibilizzare l’opinione pubblica all’importanza che gli animali hanno per il genere umano.
Maresciallo Marcello Sitzia
Gruppo cinofilo Guardia Di Finanza
Nucleo di Trieste

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Continuando la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostati come "accetta i cookies" per fornirti la migior esperienza possibile. Se continui ad usare questo sito senza cambiare le tue impostazioni sui cookies or clicchi su "Accetta" quì sotto, acconsenti al loro uso.

Chiudi